Stato di avanzamento tecnico – Report n. 4

dal 01.06.2012 al 30.11.2012

Progressi e risultati raggiunti finora

Task 1 – Gestione del progetto da parte di tutti i beneficiari associati

La gestione del progetto sia da parte del coordinatore che da parte dei beneficiari associati procede normalmente e non risultano rilievi da fare né dal punto di vista tecnico né da quello amministrativo-finanziario.

Il 6° meeting di coordinamento si è svolto il 27 Novembre 2012, in particolare durante l’incontro sono state concordate le modalità di coinvolgimento delle nuove famiglie che parteciperanno alla seconda fase di sperimentazione adottando le strategie proposte dal DEI. Si è inoltre discusso in merito all’organizzazione dei possibili sistemi di raccolta dell’umido nei singoli comuni.

Il prossimo meeting si svolgerà ad Aprile 2013.

Task 2 – Tutte le azioni previste sono state completate 

“Analisi normativa e Studi sulle abitudini domestiche”

BENEFICIARIO RESPONSABILE: Dipartimento Regionale Ambiente e Dipartimento Regionale Acque e Rifiuti

 

Task 3 – Tutte le azioni previste sono state completate a Febbraio 2011

“Sviluppo e presentazione del prototipo pilota”

BENEFICIARIO RESPONSABILE: IRSSAT

 

Task 4 – Implementazione del progetto, sperimentazioni nei Comuni coinvolti

Beneficiari coinvolti: Tutti

Azione 4.1 “Coinvolgimento degli attori locali e avvio della prima fase di sperimentazione” Completata a Luglio 2012 – Responsabile IRSSAT

La sperimentazione è stata avviata a fine dicembre 2011 (a Gaggi) e a Gennaio 2012 (a Castelmola e Melilli) con il completamento della distribuzione dei 26 prototipi ai 3 Comuni partner e l’avvio della 1° fase di sperimentazione che ha visto il coinvolgimento di n. 24 famiglie e di alcuni amministratori comunali che hanno testato i prototipi presso gli uffici del Comune a Castelmola e Melilli.

La prima fase di sperimentazione si è conclusa a Luglio 2012 - Azione 4.3.

In questi comuni l’IRSSAT ha realizzato Workshops e incontri informativi con le famiglie coinvolte, sono inoltre stati attivati gli infopoints comunali per informare e supportare le famiglie che hanno partecipato alla sperimentazione e fornire assistenza tecnica di base.

Da gennaio 2012 le famiglie hanno collaborato attivamente utilizzando il prototipo nelle loro case e raccogliendo dati e campioni per evidenziare tutte le problematiche presenti.

Dai dati raccolti si è avviato un percorso di miglioramento del prototipo al fine di renderlo sempre più funzionale e facilmente integrabile in ambito domestico che ha portato alla realizzazione del nuovo modello che sarà impiegato durante la seconda fase di sperimentazione e che sarà distribuito a partire da gennaio 2013.

Rientra in questa task l’“Azione 4.2 – Procedure di selezione: questionari ed analisi dei dati” condotta e portata a termine dal DEI nel mese di ottobre 2012

Il DEI (Dipartimento di Economia ed Impresa dell’Università di Catania– ex DEMQ) nell’ambito di questa azione ha stabilito dei parametri di riferimento secondo i quali sono stati sviluppati dei questionari semplificati per selezionare le famiglie che parteciperanno alla seconda fase di sperimentazione e procedere con il coinvolgimento graduale delle altre famiglie che man mano si uniranno alle attività di sperimentazione fino a coprire il 100% della popolazione residente a Castelmola ed il 50% a Gaggi, mentre a Melilli saranno coinvolte solo 200 famiglie possibilmente residenti nello stesso quartiere.

 

Task 5 - Monitoraggio e valutazione del contesto e dei risultati del progetto

BENEFICIARI RESPONSABILI: IRSSAT e DEI

L’azione comprende le seguenti attività in corso:

  • Valutazione del compost prodotto: l’obiettivo finale è ottenere compost di alta qualità utilizzabile anche in agricoltura biologica per questo è necessaria una continua valutazione attraverso analisi di laboratorio sul pre-compost prodotto e sui liquidi (liquido di fermentazione e acqua di processo).

Collaborano inoltre esperti nel settore del compostaggio e del trattamento dei rifiuti organici al fine di garantire un approfondito confronto fra le varie esperienze e sviluppare adeguatamente le analisi sugli standards del sistema. I risultati delle analisi e degli studi condotti vengono progressivamente pubblicati sul sito internet del progetto e presentati durante gli eventi organizzati.

  • Analisi sugli usi finali del compost: eventuale produzione di pellet (ultimo semestre del progetto) e approfondimento sulla produzione di biogas durante la fase di fermentazione
  • Attività di monitoraggio rispetto all’attuazione generale del progetto: valutazione critica delle azioni in corso, raccolta dati, attività di riprogettazione e riprogrammazione, analisi dei rischi e delle minacce, studio delle soluzioni da attuare valutazione dell’indice di gradimento del progetto e monitoraggio sito internet.

 

Task 6 Dissemination – Campagna di promozione del progetto

Beneficiari coinvolti: Tutti

Comprende l'organizzazione di tutti gli eventi di promozione del progetto.

In particolare nell’ultimo periodo è stata organizzata a cura dei Comuni di Gaggi e Castelmola, la 2° Edizione di "GIOCHI SENZA RIFIUTI: Trasformiamoli in Risorse!" nell'ambito della Settimana europea per la Riduzione dei Rifiuti 2012. All’iniziativa hanno partecipato gli alunni delle scuole materne ed elementari insieme ad insegnanti e genitori.

Si sta inoltre pianificando il lancio di un grande concorso per tutte le scuole italiane e la realizzazione di un grande evento alla fine del primo semestre 2013.

Rientrano in questa task anche tutte le presentazioni del progetto N.O.WA.S.T.E. nell’ambito di altri eventi a cui i rappresentanti dei beneficiari vengono invitati. Il progetto è stato infatti presentato nei seguenti eventi:

  • Mostra itinerante ed iniziative realizzate in occasione del ventennale del programma LIFE in Sicilia, durante il mese di maggio 2012
  • Celebrazione del 20° Anniversario del Programma Life presso l’Università di Brescia, 25/05/ 2012
  • Fiera del cambiamento ad Acilia, 23/06/2012
  • Ecomondo a Rimini, 9/11/2012

Infine per raggiungere e sensibilizzare i giovani residenti nei 3 comuni partner, sempre in occasione della SERR2012, l’IRSSAT ha lanciato l’avvio delle attività formative previste nell’ambito dell’azione 6.2.

Azione 6.2 – Attività di formazione per i giovani – Programma formativo N.O.WA.S.T.E. – Tematiche ambientali e gestione sostenibile dei rifiuti

Attività di formazione particolarmente rivolta ai giovani e agli amministratori locali. L'obiettivo è incrementare le conoscenze dei giovani rispetto alle tematiche ambientali in generale e nello specifico in merito alla gestione sostenibile delle risorse locali e dei rifiuti.

Sono in fase di organizzazione n. 6 corsi (2 per ogni Comune) per la formazione di un totale di 120 giovani fra i 19 ed i 35 anni. Per dare la possibilità di partecipare al maggior numero possibile di interessati si è deciso che tutte le richieste saranno accolte fino al raggiungimento della capienza della sala. Particolare attenzione sarà rivolta nei confronti della pianificazione territoriale e nell'ambito delle attività di laboratorio e di sviluppo di nuove proposte, si promuoverà la pianificazione di nuovi interventi in un'ottica integrata di cooperazione con gli amministratori locali allo scopo di creare nuove opportunità di occupazione e di business legato alla green economy, ricercando altresì adeguati strumenti ed incentivi che possano sostenere la nascita di cooperative operanti nel settore o favorire la creazione di centri per il compostaggio a livello locale.

I giovani partecipanti al primo modulo saranno coinvolti nell'indagine statistica che sarà coordinata dal DEI – Action 5.2 e collaborando nelle attività di selezione delle famiglie che parteciperanno alla seconda fase di sperimentazione.

I comuni hanno messo a disposizione le loro sedi per lo svolgimento dei corsi ed hanno pubblicato l’Avviso con il relativo modulo di iscrizione. Le attività formative sono realizzate dall'ente di formazione  "Educational Center sas"

 Il PROGRAMMA del PRIMO CORSO è il seguente:

Durata: 60 ore – Inizio: dicembre 2012 – Sede: Comuni di Castelmola- Auditorium, Gaggi – Sala Consiliare e Melilli – Sala consiliare

  • Quadro normativo europeo e nazionale per lo sviluppo ambientale, politiche ambientali
  • Quadro  normativo  regionale  per  la  gestione  dei  rifiuti,  analisi  piano  rifiuti  e  programma regionale per la prevenzione della produzione rifiuti
  • Tecniche e strumenti di indagine ambientale: vincoli normativi e tecnici.
  • Analisi del territorio e valorizzazione sostenibile delle risorse locali
  • Proposte
  • Relazione finale

 

Task 7 – Sviluppo Lineeguida e sostenibilità del progetto

BENEFICIARIO RESPONSABILE: Dipartimento Regionale Ambiente e Dipartimento Regionale Acque e Rifiuti 

Azione 7.2 Rete regionale N.O.WA.S.T.E.

L’interesse manifestato da numerose amministrazioni comunali siciliane e nazionali alla sperimentazione del prototipo o semplicemente ai suoi risultati, evidenziato dalle molteplici richieste di coinvolgimento al progetto pervenute al Beneficiario coordinatore, hanno fatto ritenere opportuno, di avviare in anticipo, rispetto al crono programma, le attività previste per la creazione della Rete Regionale.

In occasione della Mid-term conference N.O.WA.S.T.E, tenutasi il 16 Maggio 2012 a Catania per presentare i risultati attualmente raggiunti dal progetto, è stata dunque “lanciata” la Rete Regionale focalizzando l’attenzione sulla necessità di un tavolo istituzionale multilivello (costituito regionale, provinciale e comunale) permanente finalizzato ad affrontare la problematica della gestione dei rifiuti organici in Sicilia in modo integrale e integrato.

Il Tavolo istituzionale sarà occasione per lo scambio delle buone prassi adottate in materia di riciclaggio di rifiuti organici, per individuare risorse finanziarie atte a promuovere il sistema N.O.WA.S.T.E., per favorire proposte legislative nel settore della gestione dei rifiuti, per migliorare il dialogo fra le realtà territoriali comunali e l’amministrazione regionale, per raccogliere i dati utili allo sviluppo delle linee guida per la futura diffusione del sistema NOWASTE previste quale prodotto dell’Azione 7.1

Primi risultati: è stata già registrata l’adesione di n. 11 Sindaci e ci si aspetta l’adesione di almeno altrettanti comuni entro 6 mesi dall’avvio degli incontri del tavolo istituzionale della Rete Regionale, mentre l’obiettivo di coinvolgere almeno 40 amministratori pubblici è stato già raggiunto nell’ambito della Mid-term conference.


Partners

  • COMUNE DI GAGGI
  • COMUNE DI MELILLI
  • castelmola CASTELMOLA DI CASTELMOLA
  • irsat
    IRSSAT
  • siciliaREGIONE SICILIA
  • catania
    PROVINCIA DI CATANIA
  • UNIVERSITA' DI CATANIA
  • biomedi
    BIO.MEDI

aderire-al-progetto

avanzamenti-tecnici